Auvergne

Verdi e levigati pendii di monti antichi
salgono agli sconfinati cieli dell’Auvergne.
L’aria tersa e lavata di fresco
accoglie tremula l’indaco
di qualche arcobaleno.

Stride alto nel vento il falco
e a larghe volute si allontana
sopra i boschi odorosi,
sui campi d’orzo maturo,
lungo i sentieri della ginestra e del fiordaliso

Muschi e licheni fregiano
secolari pietre di muretti e case,
e di qualche castello
che specchiandosi nell’acque chiare
s’attarda nel presidio di terre ormai perdute.

Torna suadente e finalmente quieto
l’eterno mistero del noi,
di questo tempo breve
e del tempo che fu.