La morte senza esagerare

omaggio alla poetessa polacca  W. S.

Ritorna d’inverno il pettirosso
sulla mora di rovo del giardino.
Virgola colorata e inquieta,
si posa a caso sulla pagina intonsa del giorno.

Scrive della caducità della bellezza
e della fuggevole presenza delle cose.
E così te ne sei andata anche tu,
passo leggero, abito feriale.

“In questa vita, morire non è una novità,
ma, di certo, non lo è nemmeno vivere.”
asseriva un poeta. No, non possiamo dire
che non sei più tra noi.

Tuo è lo sguardo ironico e discreto
che insisterà durevole nei nostri sguardi
e tua sarà la voce a recitare i silenzi
del nostro quotidiano.